VENDESI

Vendesi attività di estrazione travertino con terreno e macchinari inclusi. Per informazioni contattateci al nostro indirizzo email info@travertinodianagni.com oppure chiamandoci al numero 3356310109
Le cave di Anagni
Il travertino si estrae da aree geologiche particolari, la cui conformazione determina la qualità e particolarità del materiale estratto. Tra Le cave di travertino Euro - Cave situate nel Lazio, ve n'è una che spicca per la rarità e la pregiatezza del materiale estrattovi, ovvero quella situata ad Anagni famosa città proprio per le sue sempreterne costruzioni storiche.
Il travertino estratto da questa cava tra le altre peculiarità, ha quella di ricordare proprio i marmi usati al tempo in cui fu costruita la città. I blocchi di travertino vengono sottoposti a minuziosi processi di lavorazione tramite strumenti e macchine, di modo che abilità manuale e tecnologia si uniscano per presentare a fine lavoro, un prodotto che sia il giusto connubio tra antico e moderno.
Breve storia di Anagni

Anagni, famosa fino ad oggi soprattutto per il ruolo avuto come sede papale nel medioevo e lagata alle vicende di Bonifacio VIII, ha ultimamente assunto una notevole importanza anche nel campo delle ricerche preistoriche grazie al rinvenimento di manufatti litici risalenti a oltre 700.000 anni fa e di resti fossili di Homo Erectus datati 458.000 anni, i più antichi finora rinvenuti in Italia. Di estrema importanza anche il rinvenimento di materiale etrusco del VII sec. a. C., a testimonianza della penetrazione di questo popolo nella Valle del Sacco e del Liri, probabile itinerario seguito dagli Etruschi per gli scambi culturali con la Magna Grecia. All’epoca di Tarquinio il Superbo (inizi del V sec. a.C.) il sito di Anagni era abitato da genti erniche, probabilmente di origine marsa o sabina. I rapporti con la nascente potenza romana conobbero alterne vicende: dalle alleanze del V sec. a.C. alle guerre con Roma del 318 a.C. fino allo scioglimento della Confederazione Ernica imposto dai romani nel 306 a.C.

L’impianto urbanistico – arcaico di Anagni, città sacra e centro politico della Confederazione, era limitato alla zona dell’acropoli e difeso parzialmente da una cinta muraria ricostruita interamente in epoca romana secondo la tecnica delle mura cosiddette "serviane" (Iv – III sec. a.C.).

Al II sec. a.C. risale la costruzione dell’emiciclo degli "Arcazzi", con tre grandi archi a tutto sesto sorretti da pilastri isolati dalla cinta muraria, cui si ricollegano in alto mediante una pseudo – volta. Anagni fu residenza estiva dell’imperatore Marco Aurelio, di Commodo, di Lucio Settimio e di Caracalla. Centro della vita politica internazionale del medioevo, fu a buon diritto chiamata "la città dei Papi" non soltanto per essere stata la patria di quattro grandi pontefici: Innocenzo III, Gregorio IX, Alessandro IV e Bonifacio VIII; fu infatti anche residenza ufficiale dei Papi che trovavano in Anagni un sicuro rifugio ed una degna sede del loro mandato.

(Fonte: www.anagnicitta.it)

II HOME II CONTATTI II GALLERIA FOTOGRAFICA II COME RAGGIUNGERCI II
©2008 Travertino di Anagni // Cave di blocchetti - All rights reserved - graphicsgirardi.com